Caro Antonio, ho ricevuto il numero zero, e devo farti le mie sincere congratulazioni. Più che una rivista, è un libro, e questa è forse una prima caratteristica dell’opera-qualcosa che uno mette con onore nella propria biblioteca e non nel mucchio di giornali e riviste che arrivano quotidianamente.